Theatres
« Torna indietro
17/06/2010

Guangzhou Ballet

Coemar dà luce all'Arte Orientale
Per una volte è la Cina che sceglie un prodotto italiano: gli Infinity Spot XL illuminano “The Guangzhou Ballet”.
 
Castel Goffredo (Mantova), 17 giugno 2010. “Returning late at night through whriling snow” del celeberrimo drammaturgo Wu Zuguang è una magica storia che ha fatto innamorare il pubblico cinese per più di un secolo. E’ stata riproposta infatti più volte nei più grandi teatri del paese come il Beijing Opera e il Guangdong Opera, ed è stata trasmessa anche in televisione. Oggi, in occasione del 9° China Art Festival, la stessa storia viene riproposta in un’altra forma ancora: il balletto. 
 
Il Guangzhou Ballet ha appena terminato il suo tour di più di 100 performance nei più importanti teatri della Cina, portando in scena uno spettacolo caratterizzato da danze sensuali, musiche avvolgenti e incredibili effetti di luce.
 
Il light designer dell’evento, Sun Tianwei, famoso nel settore grazie alla vittoria di molti premi e riconoscimenti, ha scelto per questo favoloso e romantico spettacolo gli Infinity Spot XL di Coemar, l’azienda italiana di Castel Goffredo.
 
Per l’occasione Sun Tianwei adotta uno stile semplice e pulito con l’utilizzo di nero e bianco come tinte predominanti: la chiave dello show è l’enfatizzazione delle sorprendenti caratteristiche del balletto, dei movimenti e delle forme dei corpi sul palcoscenico
 
Gli Infinity Spot XL soddisfano pienamente gli obiettivi: sprigionano una potenza di luce ineguagliabile, frutto del miglior utilizzo della sorgente da 1500 W, domata grazie a un esclusivo zoom range da 8° a 49° e al dimmer di precisione meccanico ed elettronico. Inoltre, grazie al loro eccezionale generatore di colori infiniti CMY e ai suggestivi effetti in controluce e la straordinaria varietà di effetti aerei, break-up, prismi e gobos rotanti, incantano gli spettatori.
 
La spettacolarità dell’arte e delle tradizioni orientali unite alla qualità del Made in Italy conquistano con infiniti effetti il pubblico dei più importanti teatri del continente cinese.